L'OPERAZIONE

Spavaldi e spregiudicati: lo spaccio a Gela affidato ai giovani

di

GELA. Spavaldi, spregiudicati, sfrontati ma anche con pochi soldi nelle tasche e sempre alla ricerca di qualche «colpo» da fare. La cocaina era «veleno» e pur di far quanti più soldi possibili veniva allungata con Aulin e bicarbonato, mentre le dosi di coca e erba venivano nascoste fra le grondaie.

È quanto emerge dall’inchiesta «Praesidium», condotta dagli agenti del commissariato di Gela e coordinata dalla Procura del tribunale di Gela e dalla Procura dei Minorenni di Caltanissetta culminata con l’arresto di 12 persone, cinque delle quali sono solo dei minorenni. Ancora piccoli e con tanta voglia di far carriera nella criminalità, dettando le loro regole nel quartiere Sant’Ippolito.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X