TRIBUNALE

Delitto di Riesi, padre della vittima alla sbarra

di

RIESI. Nuovo atto del sospetto figlicidio di Riesi. Vicenda choc che ha sconvolto il paese. E che tra meno di un mese riapproderà in aula per un processo d'appello. Perché il padre, accusato di avere ucciso il figlio e già condannato al “fine pena mai” in primo grado, ha impugnato quel verdetto.

A tutti i costi ora vorrebbe dimostrare la sua innocenza, mai gridata ma sempre asserita. E l’imprenditore sessantaseienne di Riesi, Stefano Di Francesco (assistito dagli avvocati Michele Micalizzi e Giampiero Russo) tornerà alla sbarra per il processo d'appello. Perché già giudicato colpevole di avere assassinato il figlio. Il trentunenne Piero Di Francesco che – secondo il teorema accusatorio che ha già retto al vaglio dell'aula – avrebbe prima tramortito e poi, credendolo morto, ne avrebbe bruciato il corpo. Che il padre stesso – secondo la tesi a discolpa - avrebbe trovato carbonizzato la mattina del 9 gennaio 2012 dentro una vecchia auto all’interno dell’azienda di famiglia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X