FIPE

Confcommercio: movida nel caos, centro storico di Catania invivibile

di

CATANIA. La zona della «movida», ovvero il regno del caos. A denunciare «la situazione di invivibilità del centro storico» è stato ieri il presidente di Fipe Confcommercio Dario Pistorio, che ha scritto una lettera aperta all’amministrazione comunale per chiedere innanzitutto controlli su viabilità – «i motorini scorrazzano indisturbati tra i tavoli» – e rispetto delle regole nelle vendite. Quelle di superalcolici, ad esempio. Pistorio, che dice di voler dare voce «alle rimostranze di alcuni colleghi proprietari di pubblici esercizi», sollecita un confronto.

Proposta immediatamente accolta dall’assessore alle Politiche produttive, Nuccio Lombardo: «Il tavolo tecnico va fatto subito. Ne parlerò martedì con il sindaco Enzo Bianco, poi dovremo mettere a punto alcune proposte da sottoporre ai rappresentanti degli esercenti. Sono perfettamente in linea con le dichiarazioni del presidente Fipe, quell’area va chiusa al traffico dalle 20 alle 2 e i varchi sottoposti a vigilanza».

«Il problema è – aggiunge l’ex capogruppo di Articolo 4 – che non possiamo caricare di altri compiti la Polizia municipale, quindi si dovrebbe verificare se è possibile trovare un’intesa con la Sostare almeno per i mesi dei caffè concerto. Ma bisogna capire quali costi comporta».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X