LA STORIA

Presunta truffa su internet, non reggono le accuse per un giovane di Riesi

di

RIESI. È per acquisti trappola su internet che è finito nei guai. Prima rimediando la denuncia e poi il rinvio a giudizio per truffa. Perché accusato di avere rifilato un “bidone” al malcapitato cliente di turno. E il giovane riesino è stato accusato di avere intascato quei soldi senza mai avere spedito all'acquirente quanto comprato da lui su internet.

Ma alla fine le contestazioni a suo carico hanno vacillato ed è riuscito ad uscire indenne dal procedimento. Così ha chiuso il suo sospeso con la giustizia un giovane di Riesi  (assistito dagli avvocati Vincenzo Vitello e Adriana Vella) comparso dinanzi il giudice Giuseppina Figliola per il reato di truffa.

E per lui la procura ha chiesto la condanna a 6 mesi di reclusione. Ma alla fine l'ago della bilancia ha propeso verso il teorema difensivo, perché il giudice lo ha assolto “per non avere commesso il fatto”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X