LINEA GELA-LICATA

Operai investiti da un treno a Butera, a giudizio nove funzionari di Rfi

CALTANISSETTA. Il gup del tribunale di Gela, Paolo Fiore, ha rinviato a giudizio tutti i nove imputati che la procura accusa di omicidio colposo plurimo per la morte di tre operai, dipendenti della «Rete Ferroviaria Italiana» (Rfi), travolti e uccisi dal treno regionale Gela-Licata mentre lavoravano sui binari, il 17 luglio del 2014, in contrada Burgio-Carrubba nel territorio di Butera.

Il dibattimento, davanti al giudice monocratico, è stato fissato per il prossimo 26 settembre. I rinviati a giudizio sono l'amministratore delegato dell’azienda Rfi, Michele Mario Elia, il responsabile della linea operativa della tratta Canicattì-Gela, Rosario Cilluffo; il responsabile della direzione tecnica, Giovanni Costa; il responsabile della direzione territoriale di Palermo, Andrea Cucinotta; il dirigente dell’unità territoriale di Caltanissetta, Concettina Vitellaro; il capo impianto del reparto lavori, Pietro Messina; il capo reparto pianificazione unità territoriale di Palermo, Carmelo Lapaglia; il dirigente centrale operativo della sala di coordinamento centro controllo della circolazione di Palermo, Pietro Muscolino, e l’azienda Rfi spa.

Il procuratore, Fernando Asaro, li ritiene responsabili della morte di Antonio La Porta di Porto Empedocle, Vincenzo Riccobono di Agrigento e Luigi Gaziano di Aragona, falciati dal treno per una ipotizzata segnaletica insufficiente. Le famiglie non si sono costituite parte civile perché starebbero per formalizzare una transazione di risarcimento con Rfi spa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook