CALTANISSETTA

Tagli alla spesa dei detenuti, condannato un dipendente

di

CALTANISSETTA. É stato un dipendente infedele. Che si sarebbe piegato, senza troppi sforzi, a due assistenti di polizia penitenziaria pure loro finiti nella bufera. Questa, tra le righe del verdetto emesso, è l'etichetta che i magistrati avrebbero apposto all'ex dipendente della società che fornisce alimenti ai detenuti del carcere Malaspina.

Trascinato in giudizio perché – secondo la tesi accusatoria che ha retto nel primo passaggio in aula - avrebbe consentito a un paio di agenti penitenziari, rendendosi loro complice, di praticare tagli sulla spesa destinata ai detenuti.

E adesso gli è costata la colpevolezza. Quella piovuta sul capo di Angelo Fausciana (assistito dagli avvocati Massimiliano Bellini e Walter Tesauro) ex dipendente della società «Ias Morgante» di Trieste che fornisce alimenti ai detenuti della casa circondariale di via Messina.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook