CALCIO

La Nissa rifiuta l'aiuto del Comune, il club rischia la radiazione

di

CALTANISSETTA. I dirigenti della Nissa rifiutano l’offerta dell’amministrazione comunale che aveva deciso di concedere alla Nissa lo stadio Palmintelli in maniera totalmente gratuita più un piccolo contributo una tantum, ma in cambio i giocatori avrebbero dovuto portare sulla maglia la scritta «Città di Caltanissetta». Un’offerta irrisoria, secondo il dirigente biancoscudato Alberto Scalia, che avrebbe voluto la gestione dello stadio e dei contributi maggiori per affrontare con serenità il prossimo campionato.

«Ringraziamo il sindaco Giovanni Ruvolo e l’assessore allo Sport Carlo Campione che si sono impegnati per aiutarci – spiega Scalia – ma quello che offrono è poco affinché la Nissa possa tornare ad essere competitiva. Noi avremmo voluto le gestione dello stadio, visto che negli anni scorsi a nostre spese abbiamo sistemato il fondo di gioco, messo in sicurezza la gradinata e ripristinato i bagni senza chiedere un euro a nessuno.».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook