TRIBUNALE

Non violò sorveglianza, imprenditrice di Resuttano assolta

di

RESUTTANO. Lei, un tempo proprietaria di un impero finanziario a Resuttano e poi colpita dalla scure della giustizia, compreso una mega confisca da oltre 11 milioni di euro, adesso da un ultimo procedimento è uscita indenne. Da sorvegliata speciale non avrebbe violato la legge. Al contrario di come ha ritenuto la procura che ne ha pure chiesto l’affermazione di responsabilità con la condanna a un anno di reclusione.

E invece no. La cinquantaseienne Maria Concetta Dell’Edera (difesa dall’avvocato Giusepe Calabrese) è stata assolta con formula piena. «Il fatto non sussiste» la motivazione con cui il giudice, alla fine, ha propeso per la tesi difensiva e non quella accusatoria. L’imprenditrice è stata arrestata nel novembre di sei anni fa per un traffico di mezzi agricoli rubati al Nord, poi spostati in Sicilia e infine reimmatricolati con documentazione taroccata.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook