IL CASO

Polizia di Niscemi sfrattata, appello al presidente della Repubblica

di

NISCEMI. A rischio la permanenza a Niscemi del commissariato di Polizia, ormai sfrattato da tempo, con ordinanza esecutiva, dai locali privati dove opera. L’allarme, per la possibile soppressione di un presidio di legalità indispensabile al terzo centro più popoloso della provincia nissena, viene lanciato dall’associazione Fai-Antiracket-Niscemi «Ninetta Burgio» con il presidente Giuseppe Reina che ha scritto una lettera al capo dello Stato, Sergio Mattarella, al premier Paolo Gentiloni, al capo della polizia Franco Gabrielli ed anche alla presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi, al governatore della Sicilia Rosario Crocetta e al procuratore capo di Gela, Asaro.

«Non è assolutamente possibile fare a meno, a Niscemi, del commissariato di polizia - scrive il presidente Giuseppe Reina -. I recentissimi fatti, legati all’operazione antimafia “Polis”, ne sono, purtroppo, una triste testimonianza».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook