IL CASO

Coltellate durante una lite, scatta la condanna per un riesino

CALTANISSETTA. È durante una colluttazione che gli avrebbe inferto qualche fendente. E adesso, questa vicenda che è un po’ datata nel tempo, gli è costata l’affermazione di colpevolezza. E dovrà pure indennizzare gli eredi. Sì, perché l’allora ferito nel frattempo è deceduto. Ma per altre ragioni. Nulla che abbia a che vedere con quell'aggressione subita per strada. È di un anno la pena inflitta al riesino Giuseppe Taibbi che avrebbe accoltellato Rosario S., poi venuto a mancare per altra causa.

Ma non è tutto. Perché il giudice gli ha pure comminato, oltre alla pena detentiva per i reati di lesioni aggravate e minacce, anche una provvisionale di mille euro e, soprattutto, un risarcimento dei danni che sarà stabilito poi in un giudizio civile. L’indennizzo sarà riconosciuto ai genitori del ferito (assistiti dall’avvocato Giovanni Maggio) che si sono costituiti parte civile nel procedimento che ne è derivato a carico dell’imputato (difeso dall’avvocato Giampiero Russo).

La vicenda, dal punto di vista processuale, s’è chiusa a parecchio tempo dall’accaduto. Già, perché quella lite risale all’estate di sei anni addietro. Era giugno del 2011.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X