LA TRAGEDIA

L'incidente di Gela, il racconto del padre: "Non si è fermato, è stato come una freccia"

di

GELA. «Umanamente vorrei dirgli che è importante assumersi le proprie responsabilità per stare in pace con la propria coscienza. Io me le sono sempre assunte. Il buon senso dovrebbe sempre prevalere. Lui non si è fermato, è stato come una freccia». A parlare è Luigi Caracappa, un padre distrutto dall’immane dolore che sta provando, un padre disperato, che continua a piangere e ad invocare il nome di Nuccia e Ludovica. Al suo fianco c’è il suo avvocato, Riccardo Balsamo.

Al primo piano della loro abitazione di via Portuense, nel quartiere Fondo Iozza, a Gela, c’è ancora una valigia da disfare. Quel lunedì, nel giorno della tragedia, era tornato da Mantova. Lavora come trasfertista. Voleva fare una sorpresa alla moglie, che non sapeva ancora del suo ritorno. Luigi racconta quella drammatica sera, ripercorre quei terribili momenti in cui in un istante, in via Venezia, ha perso metà della sua famiglia. Anzitutto chiede giustizia e dice che l’incidente si sarebbe potuto evitare «perché – sottolinea - in città non si corre».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X