TRIBUNALE

Donna morta in ospedale, a giudizio un anestesista a Mussomeli

di

MUSSOMELI. Nuovo processo per un medico finito al centro di un dossier per la morte di una partoriente. È una specialista dell’ospedale «Immacolata Longo» di Mussomeli che dal primo procedimento ne è uscita indenne. Nonostante la Procura ne avesse chiesto la condanna ed i familiari della vittima avessero sollecitato un cospicuo risarcimento dei danni.

Il medico che tornerà in giudizio, ma solo su appello della parte civile, è l’anestesista del « Longo» Ersilia Fornaciari (difesa dall’avvocato Mario Grillo).

Su di lei pendeva l’imputazione di omicidio colposo legata al decesso della trentanovenne originaria di Vallelunga, ma residente a Villalba, Barbara Carmisciano, morta nell’estate del 2011 otto mesi dopo il parto. Il marito e il figlio (assistiti dall’avvocato Ambrogio Culora) sono ora costituiti nella veste di parte civile. Mentre l’Asp (assistita dagli avvocati Giuseppe Lacagnina e Gianluca Firrone) è stata citata come responsabile civile.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X