LA TRAGEDIA

Madre e figlia morte a Gela, l'avvocato dell'investitore: "Non si dà pace"

di

GELA. «È un ragazzo debole, fragile, continua a ripetere che si vuole ammazzare». Salvatore Rinella, il 23 enne che quella maledetta sera era alla guida della sua Fiat Panda che ha travolto e ucciso Nuccia e la figlioletta Ludovica, rischia di non sopportare il peso di quanto è successo.

Chi lo conosce, lo descrive come un bravo ragazzo, tutto dedito al lavoro e alla famiglia.

Il suo avvocato, Totò Incardona, che gli è stato vicino sin dai primi momenti in cui si è verificata la tragedia, respinge le accuse di chi a tutti i costi lo vuole descrivere come quel «maledetto ragazzo».

Da quattro anni, Salvatore lavora alla pizzeria «Scavone». Ha subìto la prematura scomparsa del padre, avvenuta due anni fa, morto a causa di un ictus.

Non appena Salvatore ha conseguito il diploma al professionale maschile, si è subito messo a lavorare. Fa il cameriere e aiuta con il suo stipendio la mamma e la sorella.

Non ha avuto mai problemi con la giustizia, non ha mai frequentato cattive compagnie, non ha mai fumato spinelli e non ha mai esagerato con l’alcol. E anche quella sera, non aveva toccato neanche un goccio di birra o altro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X