CARABINIERI

Fermato con soldi falsi a Caltanissetta: "L’ho fatto per necessità"

di

CALTANISSETTA. I quattrini, quelli falsi, li aveva messi in tasca al figlio. Un bimbo di appena 8 anni. Così, almeno secondo la tesi degli inquirenti, avrebbe tentato di mandare in avanscoperta il piccolo.

Che avrebbe destato meno sospetti e, soprattutto, non è neanche imputabile. Ma lui, il giovane padre che ha negato di essersi servito del figlio, era e rimane in cella, adesso in custodia cautelare. È sospettato di fare parte di una famiglia di falsari.

Già perché la madre del presunto smerciatore di banconote fasulle, in quelle stesse ore, è stata anch’ella fermata dai carabinieri di Enna pure lei con denaro taroccato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X