LA SENTENZA

Coltellate a San Cataldo, padre resta in cella e il figlio va ai domiciliari

di

CALTANISSETTA. «Loro erano armati non noi… noi ci siamo solo difesi». Padre e figlio di San Cataldo, arrestati giovedì scorso dai carabinieri perché accusati di avere accoltellato due fratelli, uno dei quali minorenni, si sono difesi a muso duro. Respingendo quelle contestazioni che li hanno trascinati in carcere per lesioni personali gravissime.

Emilio e Vincenzo Intilla, di 63 e 22 anni (assistiti dall’avvocato Torquato Tasso) sono comparsi ieri mattina al cospetto del gip Marcello Testaquatra per l’udienza di convalida. E hanno negato, con un coro univoco, le accuse mosse nei loro confronti dai carabinieri e dal sostituto Claudia Pasciuti che ne ha chiesto la custodia cautelare in carcere. E alla fine il gip ha concesso i domiciliari al figlio, mentre il genitore resta rinchiuso al «Malaspina».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X