L'OPERAZIONE

Gela, la cosca dei Rinzivillo forte nella capitale

di

GELA. Il boss Salvatore Rinzivillo sarebbe riuscito a mettere radici in mezza Italia e in particolare a Roma, grazie anche alla sua fitta rete di contatti con uomini di legge e traditori dello Stato. E’ quanto emerge dalle carte del blitz della Procura nazionale antimafia ed eseguito dagli uomini del Gico della Finanza, dai carabinieri del Comando provinciale di Roma e dalla Squadra mobile di Caltanissetta, dal quale si evince come i contatti fra il nuovo reggente di Cosa nostra Rinzivillo, l’avvocato Giandomenico D’Ambra e i carabinieri Marco Lazzari, uno 007 che all’epoca dei fatti contestati lavorava in una delle agenzie dei servizi d’intelligence e Cristiano Petrone, fossero piuttosto frequenti.

Da un’intercettazione emerge come u’ ziu Totò, fosse sempre nei pensieri dell’avvocato. D’Ambra era sempre preoccupato di raccogliere notizie, che potessero riguardare indagini in corso su Rinzivillo, evidentemente al fine di poter assumere le necessarie contromisure volte ad eludere le indagini.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X