DIA

"Vicini alle cosche di Gela", confiscati beni per 3,5 milioni

di

GELA. Beni per un valore complessivo di oltre 3,5 milioni di euro sono stati confiscati dalla Dia di Caltanissetta a due personaggi vicini alle cosche gelesi. Si tratta di Carmelo Vella, di 56 anni di Gela, e di Nicolò Falcone, 68 di anni di Montedoro.

Vella è stato più volte coinvolto in operazioni di polizia. Gli inquirenti ritengono che sia un personaggio vicino alla cosca gelese dei Rinzivillo. In particolare, è stato accertato un forte legame con Paolo Palemeri, reggente del clan. Nel gennaio del 2009, a conclusione delle indagini condotte dai carabinieri del Ros di Caltanissetta, Vella è stato arrestato insieme ad altre 32 persone vicine al clan Rinzivillo. A Vella sono stati confiscati una quota di partecipazione societaria di un’azienda di supermercati locali, un'impresa di lavori di meccanica, cinque terreni, sei rapporti bancari.

Mentre a Falcone è stata anche applicata la misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per 2 anni. Gli inquirenti ritengono che Falcone sia un uomo d'onore, capo della famiglia mafiosa di Montedoro e anche persona ai vertici dell'associazione mafiosa capeggiata da Giuseppe Madonia, detto “Piddu”. A Falcone sono stati confiscati un complesso aziendale di coltivazioni di cereali con sede in Montedoro, un'altra azienda di colture miste vitivinicole, olivicole e frutticole, un allevamento di ovini e caprini, tre fabbricati, 54 terreni a Montedoro, 33 terreni a Serradifalco, sette rapporti bancari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X