TRIBUNALE

Buoni postali contraffatti, a giudizio pure un sancataldese

di

SAN CATALDO. È riproducendo buoni postali realmente esistenti, con la presunta complicità di un sospetto basista, che avrebbero incassato i soldi. Titoli che sarebbero stati negoziati da apparenti intestatari che chiedevano poi l’emissione di vaglia che successivamente altri avrebbero incassato. E ognuno di loro, pure agendo in maniera slegata, avrebbe avuto un presunto ruolo.

A cominciare da un dipendente postale degli uffici di Sommatino, il trentaseienne, Giuseppe Gloria (difeso dall'avvocato Giuseppe Giardina) sancataldese d’origine, che è stato tirato in ballo per le ipotesi di peculato e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X