TRIBUNALE

Il reato è prescritto, non luogo a procedere per i Sirugo a Caltanissetta

di

CALTANISSETTA. Dall’apertura di libretti al portatore per creare fondi neri a sospette code di paglia per l’intestazione fittizia di una società satellite del gruppo «madre». Ma quest’ultimo aspetto dell’inchiesta, che nella sua globalità ha coinvolto tre ex dipendenti della «Di Vincenzo spa» - Michele Dell’Utri, Davide Abbate e Lucio Quintino Cancemi - e due imprenditori del Siracusano, è caduto.

Sì, perché i nomi del settantaseienne imprenditore di Avola, Giuseppe Sirugo e il figlio, il cinquantenne Rodolfo Sirugo (difesi dagli avvocati Pietro Pistone e Bruno Leone), accusati di trasferimento fraudolento di beni, sono usciti dal fascicolo nelle mani del tribunale. I fatti loro contestati sono stati ritenuti troppo datati e per questa ragione il Collegio giudicante li ha tirati fuori dal procedimento. Con il conseguente pronunciamento di non luogo a procedere per prescrizione.

Loro che erano stati accusati di avere assunto, ma solo sulla carta secondo i magistrati nisseni, la titolarità della

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X