INCHIESTA «REDDE RATIONEM»

Caltanissetta, pizzo e appalti: è ripartito il processo a due imputati

di

CALTANISSETTA. Associazione mafiosa ed estorsione. Queste le contestazioni per cui, a vario titolo, da ieri sono tornati ufficialmente alla sbarra due degli oltre venti coinvolti nella maxi inchiesta ribattezzata «Redde rationem» su mafia, pizzo e appalti.

Per loro è la quarta parentesi processuale da celebrare dopo il passaggio in Cassazione che ha inferto un colpo di spugna al precedente grado del giudizio. Con una nuova appendice che ancora sta muovendo i primissimi passi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X