TRIBUNALE

Caltanissetta, chiedono la messa in prova per evitare la possibile condanna

di

CALTANISSETTA. Evitare il processo passando per la messa alla prova. Per regolare il conto con la giustizia per una violenta aggressione che, in origine, ha fatto scattare a loro carico l’accusa di tentato omicidio. Imputazione che poi è stata rimodulata in lesioni aggravate. Per un’indagine che ha inglobato in una prima fase sette nomi. Cinque di quelle posizioni sono state poi archiviate. In cinque, coloro che hanno ottenuto l’accantonamento delle loro posizioni, erano indagati solo per rissa.

È andata avanti, invece, l’inchiesta per il trentunenne Cristian Cusimano (difeso dagli avvocati Raffaele e Riccardo Palermo) e il ventisettenne Umberto Guarnaccia (difeso dall'avvocato Giuseppe Panepinto) gli stessi che adesso hanno chiesto la messa alla prova. I soli per i quali nell’aprile di cinque anni fa sono scattati due provvedimenti cautelari, a quel tempo per tentato omicidio e in più a Guarnaccia erano stati contestati anche le minacce e lo stalking alla compagna.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X