RIDETERMINAZIONE DELLA PENA

«In carcere per non più di 30 anni», sconto di pena per mafioso di Gela

GELA. Ha rischiato di finire la sua vita dentro una cella per via delle sue tante condanne. In base agli anni che gli sono stati inflitti, in continuazione fra i tantissimi reati per i quali è stato condannato, avrebbe dovuto scontare quasi 50 anni di carcere. Ma l’Italia non è l’America dove fioccano condanne lunghe anche quasi un secolo e così un gelese purosangue, Rocco Ferlenda, a 48 anni, all’interno della sua cella, potrà festeggiare perché per scontare il suo debito con la giustizia, basteranno «solo» 30 anni di reclusione.

È quanto ha stabilito il Gip di Caltanissetta Antonella Leone, accogliendo il ricorso dei suoi legali, Dino Milazzo e Salvatore Amato. Un iter lungo e complesso ma alla fine i due legali sono riusciti ad ottenere la rideterminazione della pena.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X