SECONDO ATTENTATO

Gela, ancora nel mirino il bar Crispi: portone del retro dato alle fiamme

di

GELA. Ancora un attentato incendiario la notte scorsa a Gela e questa volta potrebbe trattarsi di una vera e propria vendetta. Nel mirino è finito il retro del bar Crispi, lo stesso bar che il 24 giugno scorso era stato attinto da alcuni colpi di pistola esplosi da un malvivente sceso da un’auto che dopo essersi collocato in mezzo alla strada aveva iniziato a sparare all’interno dell’esercizio commerciale, in pieno giorno, all’interno del quale c’era una dipendente rumena che per fortuna rimase illesa.

Gli autori di quella sparatoria vennero poi arrestati dai carabinieri nell’ambito dell’operazione «Far West». Questa volta, ad essere incendiato è stato il portone del retro del bar che si affaccia in via Massimo D’Azeglio. Sul posto è intervenuta una squadra di vigili del fuoco che ha provveduto a spegnere il rogo. Trovate tracce di liquido infiammabile. Indaga la polizia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X