TRIBUNALE

Furto al Comune di Santa Caterina, patteggiata una condanna

di

SANTA CATERINA. Lei, dipendente comunale, era finita nei guai per avere rubato pochi spiccioli in ufficio. Tanto da essere pure arrestata dai carabinieri, con il beneficio della detenzione domiciliare. Era la mattina del 7 dicembre scorso. Poco prima aveva preso una banconota di dieci euro dall’incasso dei tributi pagati dai commercianti ambulanti.

Ora l’impiegata del comune di Santa Caterina, una cinquantaduenne (assistita dall’avvocato Sinuhe Curcuraci), ha chiesto e ottenuto di patteggiare la pena per l’ipotesi di furto aggravato. È per una condanna a un anno e quattro mesi, passando per l’assenso del sostituto procuratore Davide Spina, che ha trovato l’accordo, con il beneficio della pena sospesa e la non menzione. La donna, che era stata sospesa in via cautelativa, resta in servizio.

La vicenda, che quanto a singolarità non sembra peccare, ha coinvolto una dipendente del comando di polizia municipale di Santa Caterina che, peraltro, non avrebbe ricoperto alcuna funzione contabile. Nulla, per gli investigatori, che per il suo ruolo la potesse autorizzare ad accedere a quella cassa con i pagamenti dei commercianti. Ma la stessa donna, secondo la difesa, sarebbe affetta da qualche problema.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X