CASSAZIONE

Deve scontare tredici anni di pena, un arresto a Gela

GELA. Un pregiudicato di Gela, Giovanni Di Giacomo, 46 anni, è stato arrestato dalla polizia, su ordine della procura, in esecuzione di una sentenza della Cassazione che lo ha condannato a 13 anni di reclusione per associazione mafiosa e per il tentativo di omicidio, compiuto nel 1992, contro l’ingegnere capo del comune, Renato Mauro.

Il tecnico comunale, ferito con un primo colpo di pistola alla mandibola, riuscì a sfuggire alla morte perché l’arma del killer si inceppò. Ad agire furono due cugini, entrambi ritenuti affiliati alla «Stidda» che voleva far pagare a Mauro la decisione di bloccare gli appalti pubblici affidati in somma urgenza con sistemi poco trasparenti.

Il secondo sicario, Giuseppe Di Giacomo, decise di collaborare con la giustizia e di confessare tutto; ripudiato dalla famiglia, ritrattò in seguito le sue dichiarazioni. In un permesso breve, per una visita a casa dei genitori, sfuggi alla scorta delle forze dell’ordine e si presentò agli esponenti della sua cosca che invece di accoglierne il ritorno lo uccisero, bruciandone il cadavere in un canale di scolo delle campagne di contrada Manfria.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X