TRIBUNALE

"Non disse il vero su un omicidio", cade accusa per una donna di Mussomeli

di

MUSSOMELI. Era stata condannata perché ritenuta colpevole di non avere raccontato la verità testimoniando in un processo per un omicidio a Serradifalco. Quello dell'agricoltore Angelo Anello. Ma il terzo passaggio in aula, ha inferto il colpo di spugna all’affermazione di responsabilità. Non perché i giudici siano entrati nel merito, ma perché ormai sarebbe trascorso troppo tempo. I fatti sono prescritti.

Ma gli atti vanno alla corte d’Appello civile per quanto concerne l’aspetto legato al risarcimento dei danni. Da punto di vista penale la questione è chiusa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X