PROCURA

Stadio di Gela inagibile, indaga la polizia

di

GELA. Inizia a puzzare di bruciato la questione legata allo stadio “Vincenzo Presti” di Gela dichiarato inagibile. Una questione che si ingarbuglia sempre più e che adesso è finita nell’occhio del ciclone. Ieri mattina, il vice questore aggiunto Francesco Marino e alcuni poliziotti in borghese hanno fatto irruzione nella sede di viale Mediterraneo dell’assessorato allo Sport e Turismo del Comune di Gela per visionare e sequestrare atti, delibere, incarichi e documenti vari che riguardano la questione «stadio».

Non è escluso che la vicenda possa allargarsi sempre più e coinvolgere altri impianti sportivi di Gela come per esempio il PalaCossiga anch’esso recentemente dichiarato inagibile. Da quando il “Vincenzo Presti” ha chiuso i battenti, il Gela Calcio è costretto a disputare la partite di campionato nella vicina Licata. Ma ad usufruire del campo di gioco di contrada Giardinelli, anche altre società sportive di Gela.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X