GDS IN EDICOLA

Omicidio Tabbì a Riesi, la difesa: "spararono per paura"

RIESI. Avrebbero sparato per paura, per reagire a una provocazione. Questa la tesi degli avvocati difensori di Rocco Tabbì e Angelo Bartoli, figlio e cognato della vittima Francesco Tabbì, assassinato a colpi di fucile e pistola a Riesi il 10 dicembre 2016. I due hanno ottenuto di essere giudicati con rito abbreviato e i pubblici ministeri hanno già proposto per entrambi una condanna a 20 anni di reclusione. Ulteriori dettagli nell'edizione odierna del Giornale di Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X