POLIZIA

Niscemi, trovato con banconote da 100 euro false: denunciato

di

NISCEMI. E’ stato sorpreso per la seconda volta con banconote false a Niscemi ed è stato denunciato. Ventinove banconote da cento euro sono state scoperte a casa di un ragazzo di 26 anni. I poliziotti del commissariato di polizia di stato di  Niscemi hanno denunciato alla procura della repubblica di Gela il ventiseienne per il reato di spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate. L’abitazione dell’uomo è stata sottoposta a perquisizione da parte dei poliziotti.

Gli agenti hanno sequestrato 29 banconote di pregevole fattura con diversi numeri di serie, tanto da renderne difficoltoso il riconoscimento da parte di persone non esperte, ma già lo scorso mese di gennaio, il 26enne era già stato sorpreso con altre 94 banconote false di 100 euro. Le banconote avevano però  tutti gli stessi numeri di matricola. A gennaio il ventiseienne aveva riferito ai poliziotti che aveva acquistato le banconote per la somma di 600 euro, sul treno che dal nord l’aveva condotto in Sicilia.

Nel Messinese a Santa Teresa Riva i carabinieri lo scorso 10 aprile avevano arrestato Roberto Scarpato, 39 anni di Adrano. L’uomo nonostante fosse ai domiciliari, si era allontanato da casa e si era recato in parrocchia dove aveva chiesto al prete di Santa Teresa di cambiare una somma di denaro in banconote con l’equivalente in monete. Dopo aver ricevuto il denaro il sacerdote si era reso conto che le banconote erano false e aveva avvisato i carabinieri. I militari, grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza poste nella zona e a diverse testimonianze, erano riusciti a risalire all'identità del truffatore che era stato arrestato e condotto nel carcere di Messina “Gazzi”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X