SALUTE

Morti per il sangue infetto a Gela, disposto risarcimento per i familiari

di

Trasfusioni di sangue che avrebbero dovuto aiutare nella guarigione o salvare una vita e che, invece, nel tempo sono state la causa del decesso di un commercialista, S. D., di 68 anni, e di una casalinga, B. I., di 51. Perché quel sangue era infetto e, nello specifico, conteneva il virus dell’epatite C. Adesso, però, i giudici della Terza sezione del tribunale civile hanno condannato - con due distinte sentenze - il ministero della Salute a pagare i danni ai famigliari delle vittime, per un totale complessivo di un milione e quattrocentomila euro. I parenti che hanno avuto diritto al risarcimento sono difesi dagli avvocati Ermanno Zancla e Chiara Carlozzo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X