CARABINIERI

Risolto il mistero dei furti al tribunale di Caltanissetta, donna arrestata

di

Manolesta nel rubare soldi dalle borse delle colleghe di lavoro e, sembrerebbe, pure di qualche magistrato. Questa, almeno, è l’accusa. Ma alla fine è stata scoperta e arrestata.

Come dire, rifacendo il verso a un vecchio proverbio, che tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino.

Ed lasciarlo, in questo caso, è stata una dipendente del palazzo di giustizia di via Libertà. Una commessa che, secondo l’accusa, da qualche tempo a questa parte avrebbe avuto il vizietto di arraffare soldi ai colleghi.

Ma adesso è stata smascherata e arrestata dai carabinieri della sezione di polizia giudiziaria. Le sono stati subito concessi i domiciliari.

Nei guai la dipendente Antonella Santoro (assistita dall’avvocato Giovanni Maggio) accusata adesso di furto.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X