INDAGATO

Omicidio Fiandaca, Castorina risponde al gip: "Ho un alibi, ero a Mazzarino"

di

"Quel giorno e in quelle ore non ero in paese, ero a Mazzarino con mia moglie per una visita medica". È l’alibi del sospetto sicario. Di colui che, secondo il teorema accusatorio, avrebbe fatto fuoco contro un operaio riesino, uccidendolo.

S’è difeso, dinanzi il gip del tribunale di Termini Imerese – perché è lì che si trovava già detenuto ancor prima del blitz per via di una rapina – da parte del ventinovenne, pure lui di Riesi, Michael Castorina (difeso dall’avvocato Vincenzo Vitello), tirato in ballo per l’agguato al trentottenne Salvatore Fiandaca,ucciso a colpi d’arma da fuoco il 13 febbraio scorso. Anche se lui, il presunto killer, un alibi lo avrebbe.

"Quel giorno – s’è difeso ieri Castorina rispondendo alle domande del gip – io, mia moglie e un’altra persona eravamo al poliambulatorio di Mazzarino per una visita medica di mia moglie. Siamo tornati a Riesi dopo mezzogiorno e solo dopo ho appreso dell’omicidio".

Questa la tesi a discolpa dell’indagato per omicidio.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X