RIESI

Truffe assicurative, nuove accuse sui promoter

di
Truffa e falso le ipotesi legate a un altro episodio contestato ad un subagente già al centro di altri procedimenti per vicende gemelle denunciate ai carabinieri

RIESI. Nuovi guai giudiziari per un promoter assicurativo. Per lui piove sul bagnato. Perché sul capo gli è piombata una nuova contestazione per truffa e falso. Che va ad aggiungersi agli episodi, sostanzialmente gemelli, che hanno già alimentato altri procedimenti. E anche in questa circostanza il leitmotiv sembra rimanere invariato. È una nuova tegola piovuta sul capo di S.S. (difeso dall'avvocato Annamaria Sardella), promoter assicurativo con il ”vizietto” della truffa. Almeno secondo quanto la procura gli ha contestato tra le pieghe di più di un dossier. Tutti fascicoli alimentati da denunce presentate ai carabinieri.

L’ultimo caso della serie, già al centro di strascichi giudiziari, è legato a una polizza che il subagente per due anni avrebbe taroccato, così da imbrogliare - per l’accusa - un cliente. Lo stesso, O.A. (assistito dall’avvocato Maurizio Salvatore Cannizzo) che s’è poi rivolto agli inquirenti. A sua insaputa, per il 2010 e il 2011, si sarebbe ritrovato tra le mani una polizza assicurativa che in realtà sarebbe stata soltanto carta straccia. Perché per la società madre, secondo la tesi accusatoria, in realtà quel contratto sarebbe stato fantasma.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook