TRIBUNALE

San Cataldo, paziente si tolse la vita: condannato un medico

di

SAN CATALDO. Quattro mesi per avere negato un ricovero a una paziente che poi s'è tolta la vita. Così per un medico finito sotto accusa per rispondere di omicidio colposo e omissione per nesso causale provocato dalla condotta. Imputazione scattata a carico dello psichiatria dell'ospedale "Raimondi", Francesco Salvatore Pagano, sull'onda del decesso della casalinga R.L.S. trentottenne al momento della disgrazia.  Sì, perché secondo la tesi accusatoria - che ha aveva chiesto la pena a sei mesi - è dopo il mancato ricovero che si è tolta la vita lanciandosi dal balcone di casa. È stato poi il marito (assistito dall'avvocato Claudio Massimo Fagone) a rivolgersi alla magistratura chiedendo di fare chiarezza sull'accaduto. L’indagine che ne è derivata ha finito per trascinare il nome del professionista (assistito dall'avvocato Giuseppe Dacquì) nel registro delle notizie di reato. Lo spiacevole episodio risale a cinque anni e mezzo fa. Quel giorno la donna, insieme al marito, s'è presentata a psichiatria del "Raimondi" di San Cataldo per un consulto con lo stesso specialista che, peraltro, era pure suo medico curante.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X