IL CASO

Caltanissetta, dilaga il lavoro in nero

di

 CALTANISSETTA. Nuovo atto della battaglia contro il lavoro nero. Un malcostume sempre più diffuso. La nuova serrata dei carabinieri ha portato alla luce altri casi di sommerso. E l'onda lunga delle verifiche ha sortito pure la chiusura di un paio di ristoranti in città e sanzioni "salatissime" agli stessi gestori e ad altri imprenditori del Nisseno, per un totale di oltre 152 mila euro. Con oblazione di 1950 euro per ogni sospensione e una sanzione di 4 mila euro per singolo lavoratore.

I militari del nucleo Ispettorato del lavoro e del Comando provinciale nisseno, insieme agli ispettori del lavoro civili, hanno effettuato negli ultimi giorni altre ispezioni nel capoluogo e in altri comuni, ovvero Butera e Campofranco. Ed i riscontri non sono mancati. Tra gli aspetti chiave della nuova iniziativa, oltre al contrasto all’occupazioen in nero, anche la prevenzioni delle cosiddette morti bianche in cantiere, altra piaga aperta.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X