SENTENZA

Riesi: si vendicò per un pestaggio in casa, colpevole

di
Era stato malmenato a sangue da sconosciuti che avevano fatto irruzione in casa sua e di quella spedizione punitiva aveva ritenuto i vicini come mandanti

RIESI. Come nel Far west avrebbe tentato di farsi giustizia da sé. Ritenendo che i vicini erano stati i mandanti di un pestaggio che, lui, aveva subito in casa da sconosciuti che avevano fatto irruzione nella sua abitazione. E lo avevano malmenato a sangue, lasciandolo per terra pesto e malconcio. Sulla falsa riga di «Arancia meccanica». E tra ripicca e sete di vendetta avrebbe sistemato la questione a modo suo. Prima danneggiando l’auto dei vicini e poi minacciandoli pure di morte.

«Tu me li hai mandati, ti ammazzo a te e alla tua famiglia», sarebbe stato letteralmente l’esplicito avvertimento girato a una coppia. Che come lui vive in uno stabile di via Soldato Vella, nel rione Croce, a Riesi. Oggi come ieri è stato ritenuto colpevole e condannato. È di sei mesi la pena che gli è stata comminata dalla corte d’Appello presieduta da Letterio Aloisi (consiglieri Giovanbattista Tona e Andreina Occhipinti), così come chiesto dal sostituto pg Lucia Brescia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X