AMBIENTE

Gela, dalla discarica ai pozzi petroliferi: il piano di bonifica

Il piano passa ora al Comune che lo doterà dei necessari studi particolareggiati e delle relative relazioni cartografiche su cui si dovrà esprimere il consiglio comunale.

GELA. La discarica industriale di contrada «Marabusca», le tubazioni di greggio che attraversano la piana di Gela e le aree di pertinenza dei pozzi petroliferi costituiscono i punti critici aggiuntivi che verranno inseriti nell'area Sin (sito di interesse nazionale) da sottoporre a risanamento ambientale.

Lo ha stabilito il tavolo tecnico, composto da amministratori comunali, funzionari regionali e specialisti del settore, che si è tenuto ieri a Palermo, nella sede del servizio bonifiche del dipartimento dell'acqua e dei rifiuti della Regione Sicilia.

Il piano passa ora al Comune che lo doterà dei necessari studi particolareggiati e delle relative relazioni cartografiche su cui si dovrà esprimere il consiglio comunale. Superata questa fase, toccherà poi alla giunta regionale e al governo centrale fare le proprie scelte e autorizzare i lavori.

La questione verrà affrontata la prossima settimana a Roma nel vertice in programma al ministero dell'ambiente in cui il sindaco ha preannunciato la richiesta di fondi aggiuntivi per le bonifiche.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X