TRIBUNALE

Finiscono sotto accusa per un falso incidente a Caltanissetta

di

CALTANISSETTA. Incidente "fantasma" per incassare il premio. Questo è leitmotiv della vicenda che ha fatto scattare le accuse a carico dei tre, sospettati di avere organizzato la combine. Che poi è andata male.

Perché non soltanto non avrebbero incassato il becco di un quattrino ma, anzi, si sono ritrovati i loro nomi nel registro delle notizie di reato e poi al centro di un dossier processuale. Così per il quarantanovenne Michelangelo Volo, la ventiquattrenne Denise Giglio e il trentasettenne Fabio Giglio ora chiamati in aula per essere processati dal giudice Antonio Napoli. Truffa l' ipotesi di reato contestata a loro carico.
Imputazione che ha preso le mosse da un incidente stradale che, per l' accusa, non sarebbe mai avvenuto. Ne è stato denunciato l' avvenuto infortunio nella primavera di due anni addietro.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X