LA VERTENZA

Indotto Eni a Gela, l'assessore: "Soldi in arrivo"

di

GELA. La vertenza Eni e il futuro della casa di ospitalità "Aldisio" sono stati gli argomenti affrontati ieri da Gianluca Micciché, l' assessore regionale al Lavoro e alla Famiglia in visita in città. Ad attendere l' esponente dell' Udc nei locali dell' ipab presieduta da don Giovanni Tandurella c' erano molti lavoratori dell' indotto compresi i metalmeccanici licenziati dalla società Smim. Questi ultimi non hanno ricevuto nessuna rassicurazione sul loro futuro occupazionale.

"Abbiamo fatto tutti gli atti necessari e firmato un accordo storico che consente di destinare il cinque per cento delle somme complessive alle aree di crisi complessa - spiega l' assessore Micciché- abreve avremo una disponibilità finanziaria di queste risorse e, quindi, cominceremo a pagare le mensilità che vanno da gennaio a marzo. I lavoratori devono sapere che il vero problema non è riconoscere le somme della previdenza frutto dell' accordo ma capire quando riprenderanno i lavori e i cantieri per la realizzazione della raffineria ecologica. Comprendiamo lo stato d' animo di questi lavoratori che da tre anni e mezzo van no avanti con gli ammortizzatori sociali. Garantire nuove proroghe potrebbe equivalere ad un inutile allungamento di un' agonia. Vogliamo sapere anche noi quando e se ripartiranno i lavori".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X