INCHIESTA DEL COMUNE

Incendi in campagna, Bompensiere chiede lo stato di calamità

di

BOMPENSIERE. Ad estate appena iniziata ci sono già comuni e privati che si leccano le ferite e fanno la conta dei danni. Che sono ingenti. Scenari di devastazione nelle campagne con distese di grano e uliveti inceneriti, casolari distrutti, abitazioni per fortuna solo lambite dal fuoco e ovunque quel sapore acro di bruciato che ti prende per giorni alla gola.

L' estate 2016 ha avuto una partenza che sarà ricordata a lungo dalle popolazioni di un vastissimo comprensorio (dal capoluogo al "Vallone") per i violenti roghi dove di accidentale non c' è stato proprio nulla.

L' ipotesi dell' autocombustione, insomma, viene tenuta in scarsissima perché dietro ogni incendio c' è sempre la mano dell' uomo. Bompensiere è stato uno dei comuni più colpiti da questa ondata ma è anche uno dei primi ad avere avanzato con il sindaco Salvatore Lo sardo richiesta per il riconoscimento dello stato di calamità naturale.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X