CARABINIERI

Ristoratore ucciso in Germania, arrestati i due presunti killer a Caltanissetta

di

CALTANISSETTA. I carabinieri di Delia hanno eseguito un mandato di arresto europeo emesso dall'autorità giudiziaria tedesca, con l'accusa di omicidio. A finire in manette i due presunti killer di Giuseppe Sabia. Si tratta di Gioacchino Gacino, 49 anni, nato in Germania ma di origini italiane e Salvatore Lodato, 57 anni di origini siciliane ma residenti in Germania.

I fatti, ricostruiti dagli inquirenti tedeschi, risalgono ad una notte del febbraio 1993. Giuseppe Sabia, proprietario di un ristorante situato a Mannheim, dopo aver chiuso l'attività commerciale i due presunti killer lo avrebbero atteso insieme a un cittadino spagnolo per poi rapirlo. Sabia sarebbe stato portato in un luogo isolato e qui sarebbe stato ucciso con un colpo di pistola alla testa, dopo averlo ripetutamente percosso con la gamba di una sedia.

In un primo tempo, le indagini hanno consentito di identificare e arrestare lo spagnolo, che, verosimilmente, ha avuto un ruolo preponderante nella vicenda. Infatti, qualche tempo prima del delitto era stato licenziato da Sabia, nel cui locale aveva trovato impiego, senza ricevere uno stipendio. Successivamente, le attenzioni delle autorità tedesche si sono concentrate su Genova e Lodato che sono stati incastrati attraverso il Dna. I due sono stati condotti nel carcere di Caltanissetta, dove sono a disposizione della autorità giudiziaria competente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X