SANITA'

La battaglia di Niscemi per salvare l'ospedale Basarocco

di

NISCEMI. Contro il forte ridimensionamento dell' ospedale Suor Cecilia Basarocco, previsto dal nuovo Piano di riordino della rete ospedaliera siciliana del Governo Crocetta, scende in campo il «cittadino qualunque» Giuseppe Maida, paladino di cento battaglie per la difesa del diritto alla salute dei niscemesi.

Quello che è considerato il preludio alla morte definitiva del presidio ospedaliero locale è la ventilata soppressione del pronto soccorso e la chiusura degli unici due reparti rimasti, la Medicina e la Chirurgia, con la creazione di una unità operativa complessa di Geriatria.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X