TRIBUNALE

Caltanissetta, «pestarono agente penitenziario»: a giudizio

di

 CALTANISSETTA. Lo avrebbero malmenato di santa ragione fino a fratturargli il setto nasale. E nonostante si fosse qualificato come agente penitenziario sarebbe stato pure schernito dai presunti aggressori. Come dire, oltre al danno la beffa. Gli stessi presunti bulli che ieri mattina sono stati rinviati a giudizio.

Scatta il processo a carico del trentasettenne Marco Michele Mirisola (difeso dall'avvocato Massimiliano Bellini) e del ventiquattrenne Riccardo Federico Ciulla (difeso dall'avvocato Salvatore Candura) ieri comparsi al cospetto del gup Marcello Testaquatra.

Tutti e due saranno giudicati per il reato di lesioni personali aggravate in concorso, anche perché avrebbero causato danni permanenti per la frattura del setto nasale. In più al solo Mirisola è stata contestata anche l'ipotesi di minacce aggravate.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X