TRA PALERMO E IL NISSENO

Operazione "Tomato" a Gela, il procuratore: "Arresti a tempo di record"

GELA. Era una vera e propria squadra, dove prevaleva il motto «tutti per uno, uno per tutti». Lavoravano con grande sinergia, al servizio ora della madre di famiglia che aveva bisogno di un po’ di eroina, ora per il professionista che aveva la necessità di farsi un tiro di coca. Una sorta di «cooperativa» dello smercio, dove tutti si conoscevano e andavano «sul sicuro».

È quanto emerge dall’operazione «Tomato», un termine che proviene da pomodoro, uno dei tanti nomi utilizzati durante le conversazioni per indicare la droga.

A scoprirlo sono stati i carabinieri del comando provinciale di Caltanissetta e del reparto territoriale di Gela, che nell’ambito di un’inchiesta, coordinata dalla Procura, hanno sgominato una presunta organizzazione dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Linguaggio criptato per nascondere la droga, retata fra Palermo e Gela - Nomi e foto

Sedici le misure di custodia cautelare emesse dal Gip Lirio Conti su richiesta del sostituto procuratore Lara Seccacini.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X