TRIBUNALE

"Pressioni e minacce a due militari", scatta la condanna per un sottufficiale

di

CALTANISSETTA. Alla fine, dopo il colpo di spugna arrivato dalla Cassazione a sezioni unite, nel nuovo processo un sottufficiale dei carabinieri ne è uscito con la condanna a un anno. Perché accusato di avere operato pressioni su due militari di pattuglia, per evitare che un suo ospite a cena fosse sottoposto ad alcoltest.

La sentenza emessa ora dalla corte d'Appello ordinaria - un po’ inaspettatamente - ha finito per inglobare i verdetti di due distinti procedimenti: un primo del tribunale militare, l'altro del gup di Caltanissetta. E proprio la questione di competenza tra i due organi giudicanti, civile e militare, è stato in precedenza il nodo del contendere in Cassazione che ha poi annullato la condanna emessa dal tribunale che fa capo alle forze armate.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X