ECCELLENZA

Nissa e Mussomeli dopo la retrocessione: "Sistema senza regole"

CALTANISSETTA. Coda di stagione «al veleno» negli spareggi retrocessione del girone A di Eccellenza. La sentenza su quello che è stato ribattezzato il «caso Castelbuono» ha sconvolto la classifica finale del 26 aprile, portando a un ribaltone clamoroso che ha cambiato il destino di Nissa e Mussomeli, alla fine retrocesse la settimana scorsa in Promozione, e alla salvezza dei madoniti. Le polemiche sono continuate per tutta la settimana, soprattutto in casa delle due nissene, che hanno dovuto mandato giù il boccone amaro della retrocessione.

Dopo rigetti e richieste di revisione del giudizio tra il giudice sportivo e la Corte Sportiva di Appello Territoriale per un cavillo (l’errore nell’indirizzo del Marsala), quest’ultima ha accolto il reclamo del Castelbuono per la gara con i marsalesi, dando a campionato finito i 3 punti ai madoniti. Che così si sono salvati grazie a una precedente sentenza su un caso simile e che ha riguardato una squadra di Barletta di calcio a 5.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X