TRIBUNALE

Omicidio Fantauzza a Riesi, no al confronto fra accusato e pentiti

di

RIESI. No al faccia faccia in aula tra due ex uomini di Cosa nostra e un riesino che avrebbe contribuito ad attirare in una trappola la vittima di un delitto. La difesa li avrebbe voluti uno di fronte l’altro, ma dalla corte ieri è arrivato il diniego. E la parola andrà direttamente alla procura generale di Catania perché tragga le sue conclusioni.

Le dovrà formulare nei confronti degli otto imputati del processo d'appello per il delitto del riesino Michele Fantauzza, vittima di «lupara bianca». Prima sparito e poi sepolto dentro la sua auto, come fosse una bara, cinque metri sotto terra in un cantiere della «Coop costruttori».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook