TRIBUNALE

Imprenditore ucciso a Butera, chiesti due ergastoli

di

BUTERA. Colpevoli e vanno condannati. Che, tradotto nel concreto, diverrebbero “fine pena mai” per un boss e un presunto sicario e quattordici anni di carcere per un pentito.

Questo quanto prospettato dalla procura generale e che poi ricalcherebbe fedelmente il precedente pronunciamento emesso nel marzo dello scorso anno dall'Assise.

Quando il boss di Riesi, Francesco Cammarata (ora difeso dall'avvocato Vincenzo Vitello), un suo omonimo, Gaetano Cammarata (assistito dagli avvocati Vanessa Di Gloria e Giuliano Dominici) e il collaboratore di giustizia, pure lui riesino, Giuseppe Toscano (difeso dall’avvocato Enzo Guarnera) sono stati ritenuti responsabili, a vario titolo, dell'uccisione dell'imprenditore edile licatese Francesco Ritrovato, assassinato a colpi di pistola il primo giugno di tredici anni fa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X