TRIBUNALE

False fatturazioni nel Nisseno, quattro impresari a giudizio

di

CALTANISSETTA. False fatturazioni per operazioni inesistenti. È il leitmotiv dell’inchiesta che ha trascinato sul banco degli imputati quattro imprenditori – ma inizialmente v’era pure un quinto poi uscito dal fascicolo – chiamati adesso al cospetto del giudice Valentina Balbo. Tutti finiti nei guai sull’onda d’indagini della guardia di finanza.

Sono il cinquantottenne Luigi Giorgio socio detentore della maggioranza delle quote e alla guida del «Centro sordità srl», l’amministratore unico pro-tempore della stessa società, il cinquantaduenne Vincenzo Calogero Giglio (entrambi difesi dall’avvocato Raffaele Palermo), l’amministratore unico della società «Tradeur holding srl, il settantaseienne Nunzio Mavica (difeso dall’avvocato Vito Presti) » e, infine, il quarantanovenne Salvatore Massimiliano Profita (assistito dall’avvocato Davide Schillaci) titolare dell’omonima ditta.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook