L'INCHIESTA

Pizzini e minacce, ecco le estorsioni del clan di Gela

di
Pizzini a Gela, Caltanissetta, Cronaca
Salvatore Rinzivillo

GELA. Salvatore Rinzivillo, il reggente della famiglia mafiosa di Gela, quando aveva da fare delle comunicazioni di una certa importanza utilizzava l’antico metodo dei pizzini, chiamato dagli affiliati «il foglio».

Uno di questi tanti fogli, è stato anche recapitato alla famiglia Berti di Roma, per intimidirla e per estorcergli 180 mila euro, grazie alla sua fiorente attività del «Cafè Veneto», nella capitale. Sul bancone del bar, venne recapitato un pizzino dove c’era scritto «Siamo giunti ad avere ogni tuo movimento, adesso ascolta bene perché non ci piace ripetere: chiama chi hai fottuto entro 4 giorni e fai il piano di rientro… Ps. non puoi fottere i siciliani. Sei un bersaglio facile, notiamo che ridi spesso».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X